Home News Palermo, una casa per Giovanna
con fratello e madre disabili
formats

Palermo, una casa per Giovanna
con fratello e madre disabili

Quante volte i fatti di cronaca ci hanno costretti a segnalarvi casi di discriminazione, lesione di diritti e difficoltà estreme per le persone colpite da disabilità nei loro “rapporti” con le abitazioni? Da Palermo arriva l’eco di una storia che va, fortunatamente, in direzione opposta. Giovanna, 29 anni, dopo la morte del padre è provvisoriamente ospite di una comunità d’accoglienza convenzionata col Comune. giovanna-palermo-casa-disabiliLa giovane deve badare alla madre e al fratello, entrambi disabili. La situazione va avanti da quasi un anno e non potrà proseguire in eterno, tanto che già da tempo Giovanna si è mossa lanciando un appello perché qualcuno potesse aiutarla a trovare una sistemazione adeguata per sé stessa e i suoi cari. La speranza è balenata dopo il recente incontro con l’assessore alle Politiche Sociali: “L’assessore e gli assistenti sociali si sono dichiarati disponibili a prendere in mano la situazione. Questo è  di certo il primo passo di un percorso di accompagnamento che si attiverà a favore della famiglia di Giovanna, dando la giusta attenzione al problema dell’abitazione ma anche a quello del sostegno per la mamma e il fratello. Ora sarà soltanto una questione di tempo perché tutte queste persone possano ritrovare la serenità che meritano” ha spiegato al Redattore Sociale l’avvocato di Giovanna, Giuseppe Bono. La giovane ha manifestato entusiasmo e ottimismo: “Mio fratello ha 13 anni ed è un ragazzo fantastico. La sua disabilità non gli impedisce di esprimere le sue potenzialità, la speranza è farlo assistere da un centro specializzato”. Più grave la situazione della madre della ragazza palermitana, colpita da disabilita psichica: l’impegno del Comune prevede l’attivazione di un sostegno in modo che Giovanna abbia la libertà di muoversi per badare a tutte le incombenze famigliari. La famiglia verrà inserita in un processo di social housing: “Vogliamo sostenere queste persone sotto il doppio profilo dell’emergenza abitativa e del supporto dei servizi sociali” ha confermato l’assessore Agnese Ciulla.

Disabili e casa: ogni tanto una storia a lieto fine, speriamo di raccontarvene tante altre.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Chiudi

Ai sensi dell’ Art.13 del D.lgs 196/03, www.montascala.eu desidera informarLa che i Suoi dati personali forniti attraverso il presente sito Internet verranno acquisiti e trattati in forma cartacea e/o su supporto magnetico, elettronico o telematico nel pieno rispetto del Codice della Privacy.

Il trattamento di tali dati potrà avvenire per la gestione del contatto derivante dalla compilazione del Modulo del Sito www.montascala.eu.

Il conferimento dei dati stessi è pertanto facoltativo ed il suo rifiuto a fornirli determinerà l’impossibilità di inviare a www.montascala.eu i dati inseriti durante la compilazione del modulo e la mancata gestione del contatto.

Relativamente ai dati medesimi Lei può esercitare i diritti previsti dall’ art.7 del D.lgs n.196/2003 di cui per Sua opportuna informazione ne viene di seguito riportato il testo.

Titolare del trattamento è www.montascala.eu.

Ciò premesso, in mancanza di contrarie comunicazioni da parte Sua, si considera conferito a www.montascala.eu il consenso all’utilizzo dei Suoi dati ai fini sopra indicati.

DECRETO LEGISLATIVO 30.06.2003 N.196
TITOLO II DIRITTI DELL’INTERESSATO ARTICOLO 7
(DIRITTO DI ACCESSO AI DATI PERSONALI ED ALTRI DIRITTI)

  1. L’interessato ha diritto di ottenere la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
  2. L’interessato ha diritto di ottenere l’indicazione:
    a) dell’origine dei dati personali;
    b) delle finalità e modalità del trattamento;
    c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici;
    d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell’articolo 5, comma 2;
    e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
  3. L’interessato ha diritto di ottenere:
    a) l’aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l’integrazione dei dati;
    b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
    c) l’attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
  4. L’interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
    a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

Chiudi